Più che di capodanno cinese, bisognerebbe parlare di Festa della Primavera, Chūn Jié 春节, o nuovo anno lunare Nónglì xīnnián农历新年. È così infatti che i cinesi si riferiscono alla loro festa, che noi occidentali semplifichiamo in capodanno cinese. Cosa c’entra la primavera in inverno? Beh, siccome per l’occasione si segue il calendario lunare, si considera il primo dei ventiquattro termini solari del calendario, chiamato Lìchūn立春, che significa appunto “inizio della primavera”. Comunque oggi i cinesi spesso festeggiano anche il trentuno dicembre insieme agli “amici” occidentali, ma non è sicuramente paragonabile all’entusiasmo che provano per il capodanno lunare. Dal momento che si tiene in considerazione la rivoluzione della luna intorno alla terra, non c’è una data prestabilita per il capodanno; cade il primo giorno del calendario lunare, data compresa tra il 21 gennaio e il 13 febbraio. Non è un caso se il carattere yuè 月 traduce in cinese sia il temine luna che mese. Durante la festa di primavera, tradizionalmente, si festeggiava un nuovo anno di lavoro agricolo e per questo venivano fatte offerte agli dei. Oggi , piuttosto, ci si augura un anno prosperoso per gli affari. Sono sedici giorni di festa (anche se sono previsti solo sette giorni di “riposo”) e partono dalla vigilia di capodanno alla festa delle lanterne (shàngyuán jié 上元节o yuánxiāo jié 元宵节), che quest’anno cadrà il ventisei febbraio, due settimane dopo il capodanno durante la prima notte di luna piena dell’anno. Il suggestivo lancio delle lanterne colorate in aria chiude ufficialmente i festeggiamenti. Esattamente come succede dalle nostre parti per il Natale, così il capodanno in Cina è una festività che si consuma rigorosamente in famiglia, un valore a cui i cinesi sono da sempre particolarmente legati. La preparazione del capodanno avviene soprattutto tra le mura di casa, dove si comincia a cucinare ed abbellire giorni prima, e dove si consuma il lungo cenone della vigilia Chúxī除夕 (letteralmente sbarazzarsi della sera). È tradizione ormai anche vedere insieme il “Gran Galà” sul canale CCTV fatto di musica, danze,  spettacoli moderni e tradizionali, oltre che giocare a Mahjong, il famoso gioco da tavolo cinese, aspettando il primo giorno del nuovo anno, Chu Yi初一, in cui di solito si va fare visita agli anziani e ai templi buddisti. L’Anno del Bufalo è associato al simbolo丑chǒu.   Il bufalo è anche l’anno di chi è nato nel 1937, 1949, 1961, 1973, 1985, 1997, 2009, secondo lo zodiaco cinese, per cui i dodici animali si ripetano ciclicamente. Il simbolo più evidente e imprescindibile del capodanno cinese è il colore rosso. Tutto si tinge del colore della ricchezza e della fortuna. Dalla biancheria ai cappotti, il rosso è il colore che predomina. Le note lanterne rosse e altre addobbi di questo colore, con frasi di buon auspicio, vengono appesi alle porte delle case e dei negozi. Famoso è il carattere fù 富, “ricchezza”, spesso di colore d’oro su sfondo rosso, posto rovesciato perché “rovesciare” in cinese è “Dao”, che ha la stessa pronuncia di “arrivare a”, per cui si esprime l’idea dell’arrivo della ricchezza. Tra i tanti addobbi sono molto noti i cosiddetti年画, niánhuà, letteralmente “dipinti dell’anno”, e cioè stampe xilografiche usate come decorazioni…

Secondo il calendario cinese, ad ogni anno corrisponde un animale dello zodiaco cinese, seguendo un ciclo di 12 anni; ciò significa che l’anno cinese del Bufalo, per esempio, si ripete ogni 12 anni. L’ultimo è stato nel 2009 e il prossimo sarà nel 2021.. Il 1913, 1925, 1937, 1949, 1961, 1973, 1985, 1997, e 2009 sono stati tutti anni del Bue; La personalità del Bufalo: diligente, affidabile e determinato.. I nati sotto il segno del Bufalo sono noti per la loro diligenza, l’affidabilità, la forza e la determinazione.. Onesti di natura, le persone del segno del Bufalo hanno alti ideali e sono molto ambiziosi. Molto spesso mostrano un forte senso di appartenenza e un patriottismo che spesso sfocia in tendenze conservatrici. Danno grandissima importanza alla famiglia, al lavoro e alle tradizioni. Le donne nate sotto questo segno sono mogli fedeli, amanti dei valori tradizionali e molto legate ai figli e alla loro educazione.. Grazie a pazienza e determinazione, raggiungono sempre i loro obiettivi: sono ambiziosi e hanno un desiderio innato di progredire contando solo sulle proprie forze. Non si lasciano influenzare da altri o dall’ambiente circostante, ma persistono nelle loro convinzioni, facendo le cose a modo loro e in base alle loro capacità. Prima di agire studiano tutte le mosse creando un piano con step ben definiti, a cui aggiungono un’inesauribile forza mentale e fisica. È grazie a questo che diventano persone realizzate e di successo.. La determinazione li porta spesso ad essere testardi e rigidi sulle loro posizioni. A questo si aggiunge una scarsa capacità di comunicazione: non sono bravi a comunicare, anche perché molto spresso ritengono sia una perdita di tempo confrontarsi e scambiare pareri con gli altri.. Tradizionalmente il bufalo è un animale forte e robusto, due caratteristiche tipiche anche dei nati sotto questo segno zodiacale: hanno una salute di ferro.. A causa del loro carattere ostinato, spendono molto tempo lavorando e tendono a ignorare la stanchezza: sono lavoratori instancabili e non si concedono abbastanza tempo per il relax, al punto che spesso saltano i pasti. Il nostro consiglio è di alzare il piede dall’acceleratore ogni tanto; riposo e dieta regolare sono essenziali per raggiungere risultati migliori.. La loro testardaggine e la volontà ferrea li aiutano a resistere senza problemi a stress e tensione. Questo può essere un pregio, ma anche un difetto perché a lungo andare lo stress intacca anche i più resistenti. A volte basta anche solo una passeggiata o una chiacchierata con una persona amica per sfogarsi, anche se per un Bue aprirsi con gli altri è quasi peggio che sopportare la fatica..

One thought on “L’Anno del Bufalo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *